Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

simeone.overblog.com

simeone.overblog.com


IL FUMO SALIVA LENTO

Pubblicato da Enzo Cilento su 26 Gennaio 2013, 20:03pm

Ad Auschwitz c'era la neve e il fumo saliva lento...

Così comincia un vecchio brano di Francesco Guccini, splendidamente intepretato tra gli altri anche da Maurizio Vandelli e la sua storica Equipe 84. Di tempo dalla Auschwitz storica ne era trascorso poco: poco più di un ventennio.

Non erano ancora sorti negazionismi e revisionismi e, di fronte alla tragedia dell'eccidio programmato, si aveva il pudore del silenzio, mentre qualcuno cominciava a fare i conti con la propria storia e le proprie colpe.

Domani tutti i media sono sulla notizia, grazie a Dio, con una programmazione ora più colta e documentata (Rai Storia) ora più nazionalpopolare (Rai 1 rimanda il vecchio Benigni così come altrove trovano spazio le storie di Perlasca e la celebre Schindler's List).

A tutti andrebbe il nostro plauso se questo non si risolvesse solo in sentimentalismo occasionale.

Mi piace ricordare qui ed ora che anche Gesù era ebreo, parlava in aramaico e condivideva abitudini e culti del suo popolo: che - come diceva il vecchio Croce - noi non possiamo non dirci Cristiani. E quindi direi ebrei, rom sinti e quant'altro....

Che tutta la storia dell'uomo è una storia, di diversità, di intolleranza e quindi anche di sopraffazione.

E' di questa diversità e di questa lezione di rispetto che bisogna fare memoria perchè quel fumo che saliva lento non sia andato in fumo come rami secchi che bruciano in un attimo.

Perciò siano le nostre memorie come il fumo che sale lento, come l'incenso posto di fronte a Dio, in qualsiasi Dio voi crediate, a ricordare che ogni vita è un dono inestimabile, che nessun uomo ha il potere di cancellare e di dimenticare.

Ad Auschwitz, a Birkenau, ovunque resta come la nebbia della nostra ragione e la nube con cui Dio con la sua fedeltà salva chiunque da una Morte priva di senso e quindi dall'Oblio.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post
M
...difficile esprimere a parole le sensazioni nel vedere Auschwitz...difficile credere ancora nella bontà dell uomo...difficile credere che esista un Dio...per me questo non è sentimentalismo occasionale....ripercorrendo quelle strade ,toccando le mura è così ancora nitido il dolore ....ho lasciato ad Auschwiitz un pezzo del mio cuore ed ho portato qui con me un pezzo di cuore di tutti quelli che,in fotografia,riempivano quelle mura ancora avvolte da quel fumo che saliva lento.....prego per loro...
Rispondi

Archivi blog

Social networks

Post recenti